La festa patronale di Colere è fissata per la ricorrenza di San Bartolomeo che, se capita durante un giorno infrasettimanale, viene posticipata o anticipata alla domenica. La tradizione di festeggiare in modo particolarmente sentito questa ricorrenza popolare è antichissima; anche in passato ogni famiglia era solita preparare per questa speciale ricorrenza la “torta di San Bartomeo”, uno sformato salato da cuocere in forno ottenuto con pane gratuggiato, uova, burro, formaggio, latte  e altri ingredienti “poveri”, tipici dell’alimentazione montana. Fin dagli anni del dopoguerra era consuetudine sottolineare le cerimonie religiose della giornata, e in particolare la processione,  con potenti botti, usando perfino dinamite e tritolo. Nel pomeriggio della domenica fissata per la festa (in genere l’ultima domenica di agosto)  la  preziosa statua lignea di San Bartolomeo viene portata a spalla in processione, un anno verso la contrada Zanoli e l’anno successivo verso la contrada Valle, alternativamente.

Di seguito alcune immagini dell’edizione 2012 (26 agosto).

bart2

bart1

bart1a

bart1b

bart3

bart1d

bart1e

bart4

bart5

bart1f

bart1g

bart6

bart7

bart8

bart9

bart1i

bart10

bart11

bart12

bart13

bart14

bart15

 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione dell'utente. Navigandolo accetti.