Questa mia pagina, stesa con esclusivo spirito laico, vuole presentare i locali luoghi di culto non tanto quali testimonianze della fede, sulla cui materia non potrei essere competente, ma come emblemi del passato architettonico artistico culturale locale, purtroppo l'unico sopravvissuto fino a noi.

 

CHIESA PARROCCHIALE

Una prima antica parrocchiale di Colere sembra risalire al 1460 circa. Oltre a questa, sembra esistessero altri piccoli luoghi di culto e fra queste la Parrocchiale dedicata a San Bartolomeo apostolo (attuale chiesa), che ha inciso sopra il portare la data 1511, ma che potrebbe essere stata costruita anche una decina di anni prima. Sottodimensionata a contenere tutti i fedeli e assai malridotta, si prese in considerazione l'ipotesi di un suo restauro e conseguente ampliamento; la sua ubicazione, abbastanza equidistante dalle numerose contrade del paese di Colere, depose a favore di questo progetto, anche se non mancarono forti dissensi. La nuova chiesa di Colere porta pertanto incisa la data 1788, come anno di riedificazione. . La costruzione del campanile si fa invece risalire a circa un secolo dopo.   Nelle memorie storiche sulle antiche  opere d’arte scalvine, comunicate nel 1914 alla Regia Soprintendenza dallo storico locale  Eugenio Pedrini, la parrocchiale di Colere è ritenuta una delle chiese più belle della Valle di Scalve, per il pregio degli stucchi e l’armonia delle linee architettoniche. Circa 25 anni fa, grazie al lavoro del Gruppo Alpini di Colere, venne arricchita dal Giardino delle Voci, un angolo caratteristico e alberato  dove trovarono ottima collocazione alcune sculture lignee di Manfredo Bendotti; una recente e discutibile ristrutturazione del piazzale ha cancellato quello spazio, che presenta l’attuale aspetto, visibile nelle fotografie più recenti.  La festa patronale con solenni celebrazioni in onore a San Bartolomeo è rimasta una tradizione molto sentita e partecipata, che culmina quando la pregevole statua lignea del Santo viene portata in processione per le vie del paese.

 

La facciata e il Campanile della Parrocchiale nella primavera 2011

Interno della chiesa e sotto l'apparato delle Quarantore

Il Battistero e l'Altare del Piccini di Nona con sopra la Madonna di pezza scultura del fine 800

Pulpito di scuola Fantoniana

La statua di San Bartolomeo

Lato Est

Visione notturna

                                                                                                    

               

 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione dell'utente. Navigandolo accetti.