Colere, adagiato nel suo avvallamento, a monte del quale è vibile Polzone, raggiungibile con il primo tratto degli impianti di risalita

Vecchi ruderi abbandonati sottoi boschi di Colere

Il fondo della Valle di Scalve, verso la conca di Schilpario, visto da Teveno

Ampia veduta panoramica di Colere dai pascoli sotto Polzone; sullo sfondo il Pizzo Camino con la sua ultima neve

Passeggiata da Ronco verso il rifugio Tagliaferri, nella Valle del Vo, con rustici suggestivi e tantissimo muschio

L'osservatorio faunistico sul sentiero che conduce al rifugio Tagliaferri

Cavalli e mucche al pascolo sopra l'abitato di Colere

Dopo una partenza titubante, il mese di maggio ha regalato giornate soleggiate praticamente estive con temperature elevate e piacevolissime

1 maggio 2017: la neve, scesa ancora fin nei centri abitati della Valle di Scalve, ha creato suggestivi contrasti cromatici

Finalmente, nei giorni 25-26-27 aprile è arrivata la pioggia; con un brusco abbassamento delle temperature anche la neve ha fatto la sua comparsa fino a quote relativamente basse.

Dopo il disgelo, le alte temperature hanno regalato giornate calde e soleggiate fino alle festività pasquali. La Primavera esplode con tutti i colori e i profumi della stagione, per ora avara delle necessarie precipitazioni. Nelle foto sottostanti un bel panorama di Colere e alcuni angoli fioriti.

23 aprile 2017: spettacolare fioritura primaverile a Pezzolo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione dell'utente. Navigandolo accetti.