Dal Passo del Vivione,  proveniendo da Schilpario, scendere sul versante bresciano per un paio di Km circa, fino  quasi a raggiungere il punto di incrocio tra la strada e il torrente Sellero: una grande piazzola è disponibile per il parcheggio delle auto. Qui inizia il sentiero 164, costituita da una stradina sterrata che giunge fino alla malga Sellero, da cui poi si prosegue in direzione del Passo del Sellero: il sentiero è inizialmente abbastanza evidente,  per poi quasi sparire completamente prima di inerpicarsi con qualche tornantino verso il Passo del Sellero. Da qui è necessario seguire la cresta a sinistra, fino alla Vetta del Monte Sellero: il percorso è segnato con segnavia Cai, essendo il sentiero "4 luglio" proveniente dal Rifugio Torsoleto; in alcuni punti sono presenti anche catene di sicurezza. Dalla vetta del Sellero, seguire a sinistra la evidente cresta che, passando per alcune quote più basse e tratti in sali – scendi, arriva prima al M. Colombaro e poi al M. Venerocolo. Si precisa che questo percorso in cresta non è certo un tratto facile: sopratutto dopo l'avvallamento oltre il Colombaro, la traccia abbastanza evidente in alcuni punti diventa quasi invisibile e la  presenza di erba molto scivolosa, soprattutto in autunno quando io ho effettuato lescursione, rende indispensabile prestare grande attenzione. Einoltre necessario precisare che,  prima di arrivare al M. Veneroccolo,  ci sono alcuni  passaggi obbligati resi necessari  dalla presenza di una specie di gendarme roccioso: personalmente ho scelto di deviare a sinistra e proseguendo non ho trovato grossi difficoltà, ma non escludo la possibilità di deviare sulla destra, che sperimenterò alla prima occasione.  Quando però si arriva finalmente al M. Venerocolo,  limmenso panorama grandangolare appaga la fatica sostenuta. Per il ritorno ho scelto di scendere verso il Passo Sellerino  senza incontrare grosse difficoltà, e da qui verso la Valle del Sellero attraverso il sentiero con segnavia Cai, fino alla Malga Sellerino (in realtà il sentiero Cai proseguiva verso la Malga Sellero, ma vista lora tarda ho tagliato senza problemi  in diagonale verso la Malga del Sellerino);  raggiungendo poi agevolmente il parcheggio sulla  strada sterrata già percorsa in mattinata.

percorso sellero veneroccolo

Foto escursione al M. Sellero e per cresta M. Colombaro e M. Veneroccolo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione dell'utente. Navigandolo accetti.